RSS Feed

Se tornassi perche’ no?

Posted on
Se tornassi perche’ no?

Ogni tanto ripenso a questo posto.

A questo mio diario in cui ho annotato una parte importante della mia vita e grazie a cui ho avuto modo di conoscere tanta  bellissima gente. Nuove amicizie si sono formate, altre sono finite ancor prima di diventare qualcosa di piu’. Alcune, che erano importanti , non ci sono piu’ perche’ la vita , che e’  una cosa strana, un momento ti fa una carezza sul viso e un momento dopo ti da una legnata in faccia solo per rendere le cose piu’ interessanti.

Per chi si ricorda ancora di noi, siamo la famiglia del Potere e ci siamo trasferiti a Sydney nel lontano 2011. Le bimbe sono cresciute e ora vanno entrambe a scuola, abbiamo comprato e venduto casa  e abbiamo translocato 3 volte negli ultimi 5 anni .

Le cose belle: Isa e Emma. Gioia, amore puro, tanto tanto tanto lavoro, orgoglio e frustrazione, ma i frutti piu’ belli  li raccogliamo proprio ora .

Matt …ancora insieme, nonostante le legnatine in faccia ( quelle della vita, non mie o sue ) .

Sydney, posto meraviglioso che ora chiamiamo casa

Le cose brutte: La perdita di amici andati via troppo presto. Dei miei amatissimi Gingy e Whitey. Della mia salute che purtroppo mi ha lanciato un tiro mancino e mi ha fatto ritrovare malata , pelata e tanto deboluccia.  Ma io , che sono tignosa e prepotente, sto rimettendo insieme i pezzi e mi sto riprendendo quello che mi spetta . Un giorno scrivero’ della mia malattia, ma non ora.

Non so neanche piu’ come si scrive in un blog. Mi ricordo che scrivevo per me stessa , perche’ mi divertiva e mi piaceva farlo. Mi piace l’idea di poter tornare a scrivere e farlo cosi’ quasi di nascosto.

To be Continued …possibilmente prima di 5 anni 740840_10151419137112774_1216278667_o

 

 

 

Ma il tuo blog e’ ancora vivo?

Certo che riprendere a scrivere dopo un'eternita'  mezzo e' proprio difficile. E non e' questione di tempo; quello ce l'avrei pure ,  non e' nemmeno mancanza di argomenti , anche quelli ce ne sono . La questione e' che stare dietro ad un blog  e' come fare esercizio fisico: va alla grande mentre lo si pratica, ma non appena ci si adagia un po' ,viene piano piano accantonato fino ad essere visto come il nemico. Ora , in questo bel pomeriggio primaverile di Sydney , cerco di riassumervi un po' della nostra vita in questi ultimi mesi.

Come avrete bene capito siamo ancora a Sydney, e ci resteremo per un bel po'  visto che siamo totalmente innamorati di questa citta'. L'oceano a due passi, parchi immensi, mercatini, cose da fare e cose da vedere. La vita in citta' e' si frenetica , ma frenetica stimolante. L'unico punto nero e' che questo posto e' diventato maledettamente costoso: affitti alle stelle, case microscopiche che ti caricano un mutuo di  25 anni solo  guardarle e costo vita carissimo in generale. Aggiungi il fatto che io non lavoro ancora ( ancora non lavori?) e quindi non possiamo neanche valutare l'idea di comprare un posto nostro invece di pagare il mutuo di qualcun altro. Non lavoro perche' gli asili costano davvero tanto e per manterne due , delle quali una al nido, non basterebbe il mio stipendio. E non avrebbe neanche senso pagare qualcuno per accudire le mie figlie e ritrovarsi senza un centesimo di resto. Il Potere invece spinge parecchio per il mio rientro al lavoro , del resto ,a  ragione,lui sente il peso di tutta la famiglia sulle sue spalle e ipotizza (im)probabili e imminenti catastrofi che gli impediranno di portare il pane in tavola e assicurarci un tetto sulla testa. Resta comunque relativamente tranquillo per il fatto che l'anno prossimo, con l'inizio dell scuola di Bella , le cose cambieranno e la sottoscritta dovra' dare un po' d'olio al suo cervellino incartapecorito e confrontarsi con un mondo fatto di adulti che non parlano a manetta di Rapunzel o di pappa cacca e nanna.

Eh si , Isabella comincera' a Febbraio il suo primo anno di scuola. Scuola Pubblica a 200 metri da casa. Lei non vede l'ora e obiettivamente io la vedo abbastanza pronta. In questo ultimo anno e' maturata, e' molto piu' calma e piu' ragionevole. Ha seguito una pre-school per 3 giorni  settimana , fino al mese scorso, poi , in prossimita' della nostra, appena avvenuta,visita in Italia e considerando che mancano solo due mesi alla fine dell'anno scolastico Australiano ( che finisce con le vacanze di Natale e riprende a Febbraio dopo le vacanze estive), l'abbiamo ritirata e non abbiamo rinnovato l'ulitmo trimestre . Ho pensato che finche' saro'  casa con loro e prima che inizi il pesantissimo ritmo scolastico che la (vedra' prigioniera) accompagnera' per i prossimi 15 (e piu' )anni , Isabella si meriti tutta la liberta' e spenzieratezza possibile, quindi l'estate che verra' ci vedra' probabilemente accampati permanentemente in qualche spiaggia in prossimita' di un parco giochi. La mia Bella, che fino a ieri dava morsi a tutti e testate contro il muro si e' trasformata in una bimba , sempre molto scatenata,ma allo stesso tempo affettuosa e molto sensibile. Disegna e crea, dipinge e ritaglia e come i geni rapiti in un fermento creativo, fa un casino incredibile e non pulisce mai niente. Il disordine e' decisamente nel suo dna, Ma ve bene cosi', potrei pensare a ben piu' gravi tragedie di una bambina disordinata.

Emma e' un bambina che ha il sole in faccia. Chi la conosce puo' confermare il fatto che quella bambina e' la felicita' fatta persona. E' , se possibile, ancora piu' scatenata e inarrestabile di Bella ( perche' a noi le figlie calme non ci vengono) ma fa tutto con una joie de vivre e una risata contaminosa che e' impossibile non adorarla. Pero' non dorme. Siamo in quella fase della crescita in cui molti genitori cominciano a respirare un po' e invece noi  o meglio io , perche' di notte vuole solo me, mi ritrovo con ore di sonno arretrato e un quasi esaurimento che ho combattuto  a forza di ore sul tapis roulant.

E infatti sono dimagrita piu' di 20 chili. Ma non per stress, ho di fatto seguito un programma (questo )serio ed  efficace e mi sono iscritta in palestra. Ho ancora 10 chili da buttare giu', forse un po' di piu' visto che mi sono rilassata in Italia abbandonandomi ai piaceri della mortadella e del ciauscolo e al piu' vergognoso ( ma carente di sonno) ozio , e infatti Lunedi' si ricomincia col programma perche' lo scopo e' quello di arrivare al mio peso forma. Slimmingdown is back !

Il Potere invece, sta per iniziare un Master , lavora con molta piu' soddisfazionecoltiva tremila hobbies e ama le sue figlie alla follia.

Dopo questo sforzo immne vi saluto perche' mi fum il cervello e mi faanno male le dita. 
 A presto . Prometto , giuro.

Threehundredandfour km to put a smile back on my face

Mi sono promessa di non lasciar morire questo Blog anche se la voglia di scrivere e' rimasta chiusa in qualche scatolone e forse andata persa durante il trasloco. Come mi e' capitato anche in passato, quando lascio passare tanto tempo fra un post e l'altro poi mi prende la fobia da foglio bianco, un po' come quando andavo a scuola e di Lunedi' ti proponevano il famoso compito in classe di Ragioneria e tu avevi passato il weekend a fare baldoria ignorando completamente ogni responsabilita' scolastica. Ecco insomma , ogni volta che mi appresto a scrivere, apro splinder , le idee mi si accavallano , cerco di mettere giu' due righe sensate , non ci riesco e chiudo la pagina. Oggi no.
Dopo una mattinata piovosa e freddina, mentre Emma se la riposa alla grande e Bella guarda un dvd eccomi qui.
E si che ce ne sono di cose da raccontare. Come il trasloco, che e' andato bene ma mi ha lasciato stanca stressata e pure un po' incazzata. Non a caso il trasloco e' uno dei principali motivi di separazione , anche se vi posso garantire che Matt ed io siamo ancora sposati. Un trasloco normale l'avrei affrontato col sorriso in faccia e i brividi sulla pelle pensando al grande cambiamento, un trasloco in 7 giorni , l'ho affrontato col fegato ingrossato e il panico da fallimento. Ma l'importante e' che ce l'abbiamo fatta, gli inquilini a casa nostra sono sistemati e dopo qualche accettabile richiesta iniziale sembra che siano contenti di pagarci l'affitto.
Dal canto nostro abbiamo trovato , seppur all'ulitmo momento , un bellissimo appartamento a piano terra con uso di giardino in comune con altri 3 appartmenti. E' un palazzo vecchio stile, con ornamenti sui soffitti e il parque' con le assi di legno originali ; i vicini sono gentili e abbastanza silenziosi e non appena esco di casa dopo 30 metri ho gia' un caffe' in mano e il pane fresco sotto braccio. Non appena esco di casa, vedo gente , vedo macchine e negozi. C'e' un parco bellissimo sotto casa nostra, un'altro poco piu' lontano (Sydney e' piena di spazi verdi), camminiamo col passeggino a piedi per meno di due chilomentri e siamo a Bondi Junction; camminiamo altri 10 minuti e siamo a Bondi Beach. Meraviglioso! Non potevo neanche immaginare quanto mi mancasse la citta', ma soprattutto una citta' come Sydney, cosi' dinamica ed esteticamente bella, con un sacco di cose da fare non solo per i DINK (double income no kids) ma anche per le famiglie.
Isabella ha cominciato una community based pre-school, un asilo molto carino in cima ad una collina da dove si vede un ineguagliabile panorama del Sydney Harbour e tira sempre un venticello fresco. Lei e' molto felice, ci dice spesso che Sydney le piace molto e si preoccupa perche' non vuole tornare a Canberra ( proprio  come me insomma) . A Gennaio comincera' ad andare a scuola, l'abbiamo gia' arruolata in quella locale: il giorno che la vedro' con l'uniforme , lo zainetto e le treccine sara' un giorno bellissimo, non vedo l'ora . E' cresciuta tanto e non solo di pezzo. Certo ci sono ancora degli strascichi post-Emma ( che poi mica sono piu' tanto sicura che il motivo di certi capricci sia sempre  quella della nascita della sorella e della gelosia, per me certi suoi comportamenti  sono solo un fase normale di crescita) come quello di alzarsi ogni notte per paura del buio e venire nel lettone ( e andiamo avanti da mesi) . Ma Isabella e' cambiata molto, ha sete di imparare nuove cose e entro certi limiti si e' calmata parecchio. Di sicuro sa come comportarsi quando e' nelle veci di qualcun'altro: le maestre non fanno che ripetermi she is such a good girl e questo mi rincuora in previsione dell'inizio della scuola . But she is a good girl.
Emma ha cominciato a camminare a Gennaio: dice mamma , dada e BAAA, tipo pecorella, quando chiama Isabella. Lei sorride spesso, e' una bambina molto serena. Ma anche testardina come lo sono i bimbi a quell'eta'. E' ancora presto per lei per giocare con Bella, in pratica distrugge tutto quello che la sorella cerca di fare e di conseguenza si becca sempre qualche spintone ( se non di peggio) ma ci sono dei momenti in cui fanno delle cose insieme, come ballare ( si Emma balla ed e' una cosa bellssima:  gira su se stessa sempre piu' velocemente e ogni tanto alza una gamba fino a quando non cade per terra totalmente inebriata da tanto girare) o per esempio quando si rincorrono con un nastro o si nascondono sotto al piumone e le senti ridere a crepapelle. Ecco quei momenti li' sono oro puro. In quei momenti li' , mi sento molto fiera di quello che ho creato .
Per quanto riguarda Matt, che dire. E' rinato. Un nuovo lavoro, un nuovo enviroment, nuovi colleghi e nuove aspettative. Incredibile quanto un cambio di lavoro possa aver cambiato l'atmosfera a casa nostra , totalmente ingiusto quando uno il lavoro se lo porta a casa e 24 ore su 24, non riesce a staccare la spina . E per portarselo a casa intendo mentalmente. E' come essersi liberati di un grosso fardello e il merito e' suo e solo suo, perche' e' stato capace di lasciare la sua comfort zone e ricominciare da capo.
Ed infine, me. Avrete gia' capito che per me questa e' stata la scelta giusta. La vita da isolati non fa' per me, o per lo meno la vita da campagna non fa' per me in questa fase della mia vita, forse non sono ancora pronta. Non ho bisogno di pace e tranquillita', io ho bisogno di stimoli, di vedere , di stare a contatto con persone e situazioni e qui ho trovato il mio habitat. Ho fatto amicizia con la mia vicina   e sono uscita spesso con un'altra mamma della pre-school di Isabella. Ci si telefona, si chiacchiera si va' a prendere un caffe' . Cose normali che a Canberra sembrano cosi' diffcili da instaurare. Sono andata a teatro e al Sydney Opera house. Ho camminato fino a Bondi tutti i giorni solo per vedere e respirare il mare che mi e' mancato cosi' tanto.
Insomma, se sara' sempre cosi' bello vivere qui non lo so, ma al momento posso dire che Sydney mi sta offrendo tutto cio' che cercavo e Canberra non mi manca neanche un po'.
A presto, promesso.

whinge whinge whinge

Piove da mesi , temperature basse.L'estate e' in ritardo di due mesi.  La settimana del trasloco pero' el nino c'ha fatto un bel regalo e ci ha regalato giornate afose di 40 gradi , tutti i giorni.
Uscire dal freschetto della casa e sistemare scatoloni di 300 kg sul trailer e' un piacere, ogni tanto svengo e mi ritrovo sul selciato di casa circondata dagli avvoltoi. ( mamma, sto scherzando)
Emma stanotte , in piena fase fear of abandonment, ha deciso che restare avvinghiata al mio collo le avrebbe garantito un posto assicurato in casa Power negli anni a venire,cosi'  fino alle 3am GUAI a distendersi o a metterla a letto di fianco a me. 
Io ero invece in una fase trascendentale: una federica era sveglia nel cuore della notte, l'altra era a letto profondamente addormentata. Stamattina entrambe le federiche erano uno zombi.
Isabella invece ha il terrore di essere lasciata indietro, ripete ogni 5 minuti :andiamo a Sydney? tutti? oggi? e nei momenti di stanchezza si salvi chi puo'.
Sensi di colpa a tremila, non vedo l'ora di sistemarci e dar loro la stabilita' di cui hanno bisogno, pero' in fondo sono in ottime mani e questo mi fa' sentire meglio.
I suoceri ci stanno aiutando tantissimo, non so cosa avremmo fatto senza di loro. Strana la vita.
Ora vado a scaricare il trailer nel garage dei suoceri. L'altra Federica pensava invece di stendersi sul divano e dormire fino a stasera. ah …non mi ricordavo piu', il divano l'abbiamo venduto ieri.
c'e' sempre il parque, che e' pure fresco..zzzzz

Just take the kids ,the cats and don’t forget to close the door

Il modo migliore , il piu' efficace e veloce per traslocare?

Semplice: vendi quasi tutti i mobili su ebay. Arrivi a Sydney con il minimo indispensabile, ti sistemi , mangi per terra a mo di indiano, guardi la tele disteso sul tappeto, dormi sul materasso gonfiabile ..poi decidi cosa ti serve e ricompri tutto su Ebay.

Life is easy.

in the middle of it

La casa si sta svuotando….sono talmente tanto frenetica che non so nemmeno come mi sento a vederla spoglia di tutte le nostre cose.

Emma ha appena imparato a camminare e fa' strano vederla fare lo slalom nelle stanze vuote tra gli scatoloni e gli oggetti che non ci servono /non ci sono mai serviti da donare al Salvation Army.

Isabella ha visto la sua camera e tutte le sue cose caricate sul trailer , pronte per essere rilocate nella nuova casa. Ma e' contenta , non vede l'ora perche' come dice sempre lei: i don't like Australia ( Canberra) ..i like Sydney and Italy.

Lei e' pronta. Noi pure. La casa un po' meno.

Time to move on.

Back to the city

Metti che una sera un uomo abbastanza insoddisfatto del suo impiego si mette a curiosare fra i vari annunci di lavoro online. Metti che quasi per scherzo manda il suo CV pensando che quel lavoro di cui sta leggendo sarebbe proprio cio 'che vorrebbe fare. Tentenna un pochino all'inizio pensando che 100 altre persone molto piu' brave e preparate di lui si conterebbero il posto, e forse sarebbe meglio lasciare stare per evitare una delusione. Metti che invece quelli del lavoro lo contattano il giorno dopo e lo invitano immediatamente ad un colloquio e ..insomma sapete oramai dove voglio arrivare con questa tiritera:
Matt , l'uomo audace , e' stato assunto su due piedi!
Gioia, giubilio, incredulita', panico!!!

Il lavoro e' a Sydney!

Abbiamo saputo questa notizia un paio di settimane fa' e ci trasferiamo Sabato.

Questo deve essere il trasloco piu' veloce della storia, contornato da drama (oddio, come non posso portare i gatti a Sydney in un appartamento???ma ce li porto, eccome se ce li porto) , suspence ( oddio, dove andiamo a dormire? abbiamo trovato casa da affittare solo due giorni fa') Isterismi ( oddio, chiudetemi dentro al frigo e fatemi uscire quando saremo a Sydney) e tanta tanta stanchezza

Giro giriamo come due trottole , lasciando le figlie alla suocera ( miracolo!!!) al mattino e riprendendole alla sera alle 6, sfiniti e un po' ansiosi, con la paura di non riuscir a far tutto.

Venerdi' i nostri inquilini si trasferiranno a casa nostra, in questa casa, e noi siamo ancora in alto mare …scatoloni, sacchi, teli, libri, vestiti , pentole e giochi sparsi per tutta casa. In piu' il giardino da ripulire e il garage da svuotare. Matt dovra' tornare al suo vecchio lavoro per altri  4 giorni quindi la settimana prossima me la dovro' cavare da sola.
E cosi' e' fatta: volevamo la citta' e ora la citta' abbiamo .

Ora scusate ma vado ad impacchettare i piatti.